Il programma

POLITICHE SOCIALI, FAMIGLIA, FASCE DEBOLI, DIPENDENZE, PROTEZIONE CIVILE, ARTI

Il programma prevede iniziative sociali specifiche e trasversali, rivolte a sostenere, migliorare e promuovere azioni riguardanti i seguenti ambiti: infanzia, adolescenza e giovani, famiglie, anziani, diversamente abili, 3° Età, scuole e integrazione sociale, sicurezza pubblica, nonché associazioni e soggetti privati. Con l’obiettivo di creare una rete di supporto e di aiuto per tutti i cittadini, oltre che spazi adeguati e sicuri per permettere lo svolgimento di attività culturali ma anche semplice divertimento sia nel centro della Città di Oderzo che nelle frazioni.

Con l’obiettivo di creare una rete di supporto e di aiuto per tutti i cittadini, oltre che spazi adeguati e sicuri per permettere lo svolgimento di attività culturali ma anche di semplice divertimento sia nel centro della Città di Oderzo che nelle frazioni.

 

POLITICHE SOCIALI

Spesso la semplice sinergia tra le forze in campo può portare un miglioramento inaspettato dei risultati e dell’efficenza. la nostra proposta e’ quella di.

Creare un progetto di banco alimentare virtuoso con l'obiettivo di distribuire le eccedenze anziché smaltirle come rifiuti, coinvolgendo supermercati, enti pubblici (scuole, case di soggiorno, centri diurni ecc), associazioni e soggetti privati. Le eccedenze alimentari sono una risorsa per persone più indigenti o per le associazioni assistenziali diminuendo il costo sociale.

Promuovere, da parte del Comune, il lavoro socialmente utile per le persone in mobilità, disoccupati o anziani.

Promuovere il volontariato sociale e la formazione di figure capaci di cogliere i bisogni del cittadino e per svolgere attività rivolte allo sviluppo del benessere.

Promuovere ed incentivare le varie attività già esistenti presso il Centro ricreativo "Russolo" come ad esempio sostenere i vari gruppi di autoaiuto e le attività per anziani, ampliando la frequenza a tutti, soprattutto ai bambini che frequentano il patronato e Casa Moro, con la possibilità di creare un progetto ad hoc di collaborazione con gli anziani.

Quest'ultimi, attraverso un'adeguata formazione e la supervisione di personale specializzato dei servizi sociali comunali, potrebbero offrire il loro tempo per stare con i bambini, la loro esperienza e il loro affetto oltre ad essere un concreto sostegno alle famiglie. A tale fine si vuole dare la disponibilità di un servizio di trasporto disponibile per supportare l’iniziativa.

Biblioteca comunale come punto di riferimento culturale e punto massimo di aggregazione sociale, con il coinvolgimento delle associazioni già esistenti. Apertura anche nei weekend.

Stimolare la socialità attraverso serate/giornate dedicate alla lettura in piazza

Partecipare al progetto "le città sostenibili per bambini e bambine" coinvolgendo attivamente gli enti locali, la cittadinanza, i negozianti e i bambini stessi alla vita pubblica come futuri cittadini democratici. https://www.unicef.it/Allegati/citta_bambini.pdf

Il progetto prevede azioni di trasformazione architettonica e urbanistica in un'ottica di sostenibilità e sicurezza per l'infanzia verranno promossi i negozianti "amici dei bambini" e il consiglio comunale dei bambini congiuntamente ad iniziative di educazione alla cittadinanza e diritto all'ambiente.

Realizzazione di un orto sociale a bassa manutenzione ed irrigazione, possibilmente vicino a zone residenziali, che ne permetta una più semplice fruizione, agevolarne l’utilizzo anche a categorie deboli, anziani, bambini e diversamente abili, predisponendo un sistema di coltivazione a strati, il quale ne permette una più semplice operatività

 

INFANZIA

Passare gradualmente alla gestione diretta da parte del comune dei "Centri Estivi". Prolungamento della durata dei Centri estivi e del dopo scuola per sostenere i genitori lavoratori a tempo pieno, dando un’alternativa ludica sicura.

Avviare il progetto "pedi bus" con la collaborazione di anziani volontari

Migliorare e predisporre la gestione del dopo scuola con la cooperazione e collaborazione di associazioni di volontariato, garantendo il monitoraggio delle attività da parte di figure professionali specializzate.

Incentivare il riutilizzo dei libri scolastici, creando mercatini e sito web per domande ed offerte, consultabili dalle scuole.

ADOLESCENZA E GIOVANI

Sostenere la creazione di un Circolo socioculturale per adolescenti e giovani autogestito con annesso l'accesso gratuito alla rete web e il supporto di educatori per le varie attività culturali, musicali e sportive (quali pattinaggio, pattini in linea, calcetto, pallavolo, basket ecc...ecc..)

Predisposizione di aule ad uso dei giovani musicisti per dare giusto spazio al loro talento.

Dedicare sul sito web del Comune un Forum per raccogliere idee, opinioni e suggerimenti su quali siano le reali esigenze dei giovani Opitergini.

Istituire, in collaborazione con altri comuni, associazioni e locali della zona e non, una rete trasporti notturni a basso costo per arginare il triste fenomeno delle "stragi del sabato sera", o istituire un servizio di TAXI NO ALCOOL (come il ''Nez Rouge'' francese), per soccorrere i cittadini con tasso etilico elevato ed a rischio di incolumità per sé e per gli altri.

Favorire la sensibilizzazione verso tematiche importanti quali la dipendenza da abuso di sostanze stupefacenti e alcolici, bulimia ed anoressia, creando progetti di “Educativa di strada”. L'obiettivo principale è quello di aiutare i giovani a superare la difficile età adolescenziale, l'inquietudine della solitudine e la mancanza di valori tipico di questo periodo di crisi.

Miglioramento e graduale presa in carico da parte del comune del Servizio Informagiovani ed incentivare maggiori iniziative di formazione e attività rivolte ai progetti di lavoro europei.

 

FAMIGLIE

Rendere maggiormente efficiente gli interventi, da parte del Comune, mirati a supportare le famiglie in difficoltà con la gestione dell’assistenza all’anziano e delle persone diversamente abili attraverso servizi di sostegno psicologico e di assistenza domicilire con la collaborazione figure professionali.

Promozione e creazione di incontri di auto-mutuo-aiuto e di sostegno per i familiari con persone anziane, disabili o di ragazzi socialmente devianti, fornendo punti di mediazione in grado di promuovere l'autosostegno, e sviluppare le reali risorse individuali e familiari tramite momenti di tutoraggio da parte di personale adeguatamente formato. Inoltre, favorire corsi di formazione rivolti alla genitorialità.

Favorire la cultura locale attraverso eventi, mostre e mercati che valorizzino la storia, i prodotti e i mestieri della città e del territorio, in collaborazione con la Pro Loco, le Associazioni, le Scuole, il Museo Civico Archeologico "Eno Bellis", la Biblioteca Comunale, i negozianti, nonché le Aziende locali agricole ed eno-gastronomiche.

Incentivare attività e corsi anche per gli adulti, nell'ottica di una educazione permanente collaborando anche con l’Università della Terza età.

Istituire uno sportello S.O.S. tariffe che possa agevolare ed informare sul mercato libero luce/gas, tariffe assicurative e servizi in genere, dove il comune non può arrivare a tagliare i costi almeno può supportare a risparmio famigliare, grazie all’attuale grande offerta tariffaria e alla semplicità di accesso ed attivazione attraverso internet.

 

SCUOLA - SAPERE É POTETE

Dobbiamo partire inevitabilmente da questa frase perché in essa è racchiusa tutta la forza dirompente della cultura, dell’informazione e della conoscenza. Uno stato e, nel nostro piccolo, una città non può prescindere dal formare cittadini che posseggano un adeguato bagaglio culturale, che sappiano informarsi e quindi che maturino una capacità critica adeguata per poter comprendere il mondo e le sue dinamiche, perché questo li rende cittadini consapevoli, attivi, partecipi e non più spettatori dei processi decisionali imposti da altri. Il MoVimento 5 Stelle è nato con una forte idea di partecipazione della comunità e per questo l'aspetto che riguarda la formazione dei cittadini di domani riveste un ruolo centrale. La cultura non deve costituire motivo di distinzione sociale, ma, anzi, deve essere il collante che unisce la società al fine di renderla più coesa e forte. Proprio per questo il Movimento 5 stelle ritiene fondamentale il buon funzionamento della scuola pubblica statale, e sostiene la necessità di una governance attenta ai bisogni provenienti dalle realtà locali al fine di supportare un'idea di formazione dell'uomo e del cittadino libera e consapevole.

In ambito comunale ci sono semplici iniziative che possono portare avanti questi principi generali e basilari, attività concrete che dimostrino che un’amministrazione pubblica, che crede nel valore centrale della scuola, non debba arretrare, lasciando spazio all’iniziativa esclusivamente privata, ma si debba assumere le responsabilità di sostenitrice, insieme alla famiglia e ai docenti, della vita scolastica dei ragazzi integrandosi e cercando il dialogo, con le realtà pedagogiche paritarie di eccellenza presenti da molto tempo sul territorio.

 

LINEE DI INTERVENTO:

ASILO

Progettazione di un asilo nido comunale; valutarne le dimensioni in base alle esigenze future della popolazione; cercare anche la collaborazione di comuni limitrofi ai quali, le loro piccole dimensioni non permettono di prevedere un intervento così oneroso; effettuare un consiglio comunale aperto alla cittadinanza per ascoltare proposte riguardanti ubicazione e dimensioni,

Favorire la formazione di asili per l’infanzia rendendo obbligatorio per i medesimi la presentazione in comune di un progetto pedagogico annuale per i bambini da 0 a 3 anni al fine di permettere il monitoraggio della loro adeguatezza ed efficienza.

Favorire e collaborare con gli asili in famiglia.

 

ELEMENTARI / MEDIE / SUPERIORI

Effettuare un incontro con i dirigenti scolastici e le singole scuole per capire quali siano le criticità avvertite nei singoli plessi e avviare con sistematicità operazioni di supporto.

Apertura di un tavolo di concertazione di opere di basso costo ma indispensabili, attraverso l’ascolto delle richieste del personale docente e ATA delle scuole pubbliche statali presenti nel territorio comunale, con un attenzione particolare nell’Implementare progetti di ristrutturazione per garantire una maggior sicurezza degli ambientai scolastici per gli alunni e studenti.

Controllare lo stato attuale di connettività di tutti i plessi scolastici presenti nel territorio opitergino; dove non presente una connessione wi-fi prevedere l’installazione di apparecchi quali antenne, modem, router ecc.; effettuare i lavori recando il minor impatto possibile sul normale svolgimento delle lezioni, e connettere le scuole alla rete wi-fi gratuita del comune di Oderzo in modo che docenti, personale tecnico – amministrativo e studenti possano accedere al web.

Potenziare il trasporto pubblico dai quartieri verso le scuole; organizzare i percorsi dei pulmini in modo da rispondere all’esigenza di trasporto di un numero maggiore di studenti di quello attuale, prevedendo l’attuale sistema organizzativo secondo stradario

Potenziare la possibilità di accedere al servizio di pullman comunale in modo da poter progettare un numero più ampio di uscite sul territorio

Potenziare l’iniziativa Pedibus prevedendo premi per gruppi più numerosi o più camminatori incentivando una sorta di competizione positiva tra gruppi delle diverse scuole dell’infanzia e primaria.

A studenti di scuola superiore di primo e secondo grado fornire un abbonamento a prezzo agevolato per utilizzo di bike – sharing.

Prevedere, con la collaborazione dei docenti e dei dirigenti, momenti di confronto per la comunità sui temi relativi alla scuola al fine di favorire il successo scolastico di tutti i ragazzi.

Maggiore attenzione alla provenienza dei cibi della mensa e dei distributori automatici presenti nelle scuole, favorendo quelli a km zero e biologici.

Creare nelle scuole elementari, medie e superiori un “centro di ascolto” con specialisti che si occupino in forma anonima delle problematiche dei bambini e dei ragazzi con difficoltà personali, sociali, psicologiche o nella comunicazione con i genitori e\o altre figure di rifermento.

Progetti d’informazione e prevenzione condotti nelle scuole e nei luoghi di aggregazione giovanile con la collaborazione dei vari enti pubblici e associazioni. In merito alle seguenti tematiche:

Educazione Civica

Educazione all’alimentazione sana

Educazione all’affettività e sessualità

Prevenzione dei rischi connessi al consumo di alcool, tabacco e droghe.

Educazione per un corretto uso delle tecnologie digitali.

Educazione ambientale e stradale

Integrazione interculturale

Bullismo e CyberBullismo

Prevedere giornate dedicate all'ambiente nelle quali gli alunni possano diventare consapevoli del fatto che la cittadina è di tutti e che ciascuno ha il dovere civico di preservarla dall' inquinamento e dal degrado attraverso semplici azioni di riciclo e riuso sia attraverso la partecipazione delle scuole a giornate dedicate alla pulizia del comune.

Dialogo con scuole paritarie con la finalità condivisa di reperire risorse per eseguire piccoli lavori di manutenzione e adeguamento anche attraverso meccanismi quali la sponsorizzazione privata anonima o il crowdfunding.

Potenziare la presenza di testi scolastici nella biblioteca comunale, e al fine di venire incontro alle difficoltà economiche delle famiglie, in modo da agevolare l'accesso allo studio per tutti.

 

DIVERSAMENTE ABILI

Ottimizzare lo "Sportello d'assistenza sociale”, fornendo adeguate informazioni alle famiglie con componenti Diversamente Abili sui differenti centri informativi regionali e svolgendo azioni di supporto alle famiglie con le agevolazioni previste dalla legge. Incentivare la distribuzione del Volume sui "Diritti dei Diversamente Abili".

Applicare la normativa vigente sull'abbattimento delle barriere architettoniche nei locali aperti al pubblico.

Promuovere l’integrazione di bambini e ragazzi diversamente abili nei campi gioco estivo e tempo libero, attraverso la sensibilizzazione ed integrazione delle differenze come risorsa. Collaborare con associazioni presenti nel territorio oltre ai bandi comunali favorendo la partecipazione della cittadinanza residente.

Ottimizzare i servizi di trasporto effettuati con il “veicolo attrezzato per il servzi sociali”, garantendo la mobilità per le persone che incontrano difficoltà nel percorrere autonomamente tragitti anche brevi.

 

3° ETÁ

Le conseguenze dell’invecchiamento della popolazione hanno una forte ricaduta sulla strutturazione dei servizi sociali. Risulta quindi necessario e urgente incrementare l’attenzione alle esigenze della cittadinanza anziana in termini di assistenza e di supporto specifico, ma anche in materia di attività ricreative e iniziative mirate di tipo culturale, sociale e sportivo.

Il Paese è sempre più caratterizzato da una crescente presenza di popolazione longeva, le persone della cosiddetta “terza età” sono una risorsa viva ed insostituibile per il benessere sociale della nostra città.

Miglioramento e potenziamento dell’assistenza domiciliare agli anziani per le diverse esigenze della persona, nonché delle attività proposte dal “Centro ricreativo Russolo” per anziani e simultaneo incremento delle iniziative tese alla valorizzazione della persona anziana nel proprio contesto familiare e nel tessuto sociale, come soggetto rilevante per la società (spazi dedicati all’interno dei vari quartieri, collaborazione con le circoscrizioni per iniziative di tipo culturale, sociale e attività fisiche, convenzioni speciali al fine di sviluppare progetti che favoriscano il contatto tra diverse generazioni).

Sviluppo di un servizio di controllo della popolazione anziana dedicato al supporto di tutte quelle situazioni in cui le persone sole intendono continuare a condurre vita autonoma.

Promozione e implementazione, in collaborazione con le ASL, di un’assistenza domiciliare integrata a sostegno dell’impegno del nucleo familiare a favore di anziani parzialmente autosufficienti o non autosufficienti.

Riduzione del costo dei mezzi pubblici per gli anziani residenti over 65

Ottimizzare la progettazione e gestione di soggiorni climatici per anziani

Coinvolgere gli anziani in lavori socialmente utile come dai progetti sopraindicati

Potenziamento di centri diurni per anziani, anche parzialmente autosufficienti.

Sviluppo del servizio di pronto intervento per piccole necessità a domicilio degli anziani soli (aiuto domestico, commissioni, spesa, ecc...) anche in collaborazione con le organizzazioni di volontariato.

Creazione di uno sportello dedicato alla popolazione “over 65”, punto di riferimento per tutto ciò che riguarda le risposte alle necessità delle persone anziane, volto, a promuoverne il benessere.

Sostegno e promozione di tutte le attività volte a prevenire l’isolamento e l’emarginazione delle persone anziane, favorendo l’aggregazione intergenerazionale (Orti Sociali a bassa manutenzione, Circoli Ricreativi, Sportivi, Feste e Fiere, etc...)

 

INTEGRAZIONE SOCIALE

Ottimizzare l'orario di apertura dell'ufficio comunale predisposto all'integrazione interculturale e sociale.

Impegno nel proporre ed organizzare eventi, corsi ed attività interculturali in accordo con rappresentanti di gruppi etnici, associazioni e scuole che permettano, l'integrazione, la sensibilizzazione e l'accoglienza delle differenze socioculturali attraverso la conoscenza e l'esperienza diretta di tutta la comunità. Sono le relazioni di comunità che arricchiscono il benessere di tutti.

Favorire corsi di lingua italiana per stranieri da parte dell'informagiovani e la biblioteca.

Creare momenti di scambio interculturale e linguistico tra ragazzi stranieri di seconda generazione e residenti per permettere un arricchimento culturale personale e per la comunità.

 

DIPENDENZE

Attraverso progetti mirati in tema di tossicodipendenza, alcolismo e al gioco d’azzardo soprattutto tra i giovani. Una campagna contro le dipendenza è urgente senza distinzione tra sostanze psicoattive legali ( alcool, tabacco),o illegali (sostanze stupefacenti), o comportamentali (gioco d’azzardo) perché quello che è lesivo per il consumatore è il comportamento che le dipendenze producono indipendentemente dalla sostanza. Basti pensare che siamo invasi da pubblicità con l’indicazione di “bere” o “giocare” responsabilmente, che di fatto incitano a comportamenti a rischio dipendenza anche a causa della facilità di accesso. Se fare uso di droghe porta ingenti guadagni nelle casse delle mafie è altresì vero che i proventi di altri consumi, sebbene questi siano legali, vanno ad arricchire altre lobby.

Occorre quindi:

Fare attività di informazione e formazione agli insegnati

Attuare azioni di informazione e prevenzione nelle scuole e nei locali notturni per promuovere tra i giovani la guida sicura

In collaborazione con le palestre cittadine, promuovere la prevenzione sul tema delle sostanze dopanti, sull’abuso di integratori alimentari e farmaci;

Realizzare eventi culturali gestiti dal Comune con l’obbiettivo di prevenire le dipendenze da uso ed abuso di sostanze psicoattive.;

Incentivare la promozione e facilitare l’accesso dei cittadini ai gruppi di AUTO-MUTUO AIUTO, per mettere in contatto persone che condividono lo stesso problema;

“FARE RETE” coinvolgendo Enti Pubblici, istituzioni scolastiche e sanitarie, parrocchie ed associazioni di volontariato, Prefettura e Questura;

Nello specifico della DIPENDENZA DAL GIOCO D’AZZARDO pensiamo si possa:

Ridurre la tassa sui rifiuti alle attività commerciali (bar, tabaccherie) che si impegnano concretamente a non installare slot ed a quelle che decidono di rimuoverle dai propri locali

Stanziare un fondo specifico per le attività commerciali che eliminano dai propri locali le slot allestendo al loro posto aree per ragazzi, aree svago, o iniziative di vario genere ( es. librerie, laboratori, attività ludiche...) a disposizione dei clienti

Aderire al “manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo” che chiede una nuova legge nazionale, fondata sulla riduzione dell’offerta

Emanare un regolamento Comunale che limiti fortemente la proliferazione dei centri scommesse e delle attività che installano slot e che regoli le distanze dai luoghi sensibili e gli orari di apertura

 

PROTEZIONE CIVILE

Creare degli incontri sistematici all’interno del consiglio comunale per pianificare la sicurezza ed aggiornare la giunta.

Incontri con la cittadinanza per primo soccorso, educazione stradale e rischi di una guida impropria, comportamenti in caso di emergenza

Verificare la disponibilità di essere impiegati nel accompagnare i cittadini che vogliano in prima persona attivarsi in gruppi di controllo del vicinato

Valutare le risorse attuali della Protezione Civile e verificare la possibilità di sponsorizzazione da aziende locali

Il ruolo della prevenzione è gestione delle emergenze è destinato alla protezione civile e tale ruolo non deve mai essere sminuito e svalutato con esclusivi impieghi non consoni alle loro attitudini, la capacità di coordinazione ed intervento e risoluzione è possibile solo grazie ad una specializzazione ed addestramento che deve essere coltivato e stimolato e venga reso disponibile alla sicurezza della comunità.

Programmare per il prossimo autunno una simulazione di alluvione che possa sia riportare l’attenzione sulla criticità fluviali del nostro territorio ma anche rappresentare un utile e importante momento di formazione per tutta la cittadinanza, portandoli a conoscenza delle buone pratiche di condotta in caso di eventi alluvionali

 

ARTE

La cura del quadro d’insieme è l’approccio che riteniamo essenziale.

Paradossalmente, la creatività è esclusa da tempo nel vocabolario della cultura della nostra città. Eppure, dall’avanguardia alle forme più tradizionali, in città l’arte si produce e si coltiva in moltissimi ambiti. Il ruolo pubblico deve contribuire fattivamente ad animare e collegare il settore, dando visibilità alla produzione artistica e permettere ai cittadini di conoscerne la portata. I grandi eventi, utili se ben congegnati per un ritorno turistico, sono fini a sé stessi se al contempo non si pone un’adeguata attenzione all’arte locale, ai fermenti, ai giovani e agli artisti affermati.

Ma ogni investimento se lasciato a sé perde buona parte della sua forza, è quindi necessaria una programmazione che comprende diversificati operatori istituzionali e privati presenti sul territorio.

Ad un’auspicabile programmazione così fortificata deve necessariamente corrispondere la profusione di occasioni e modalità per dare spazio alle molteplici espressioni artistiche.

Una visione corale d’insieme, articolata in specifici percorsi e luoghi deputati tenendo accordato il tessuto artistico nelle sue varie forme.

La programmazione espositiva negli spazi pubblici deve essere condivisa con il mondo artistico locale e puntare per quanto possibile a caratterizzare ogni singolo contenitore per una sua vocazione.

Questo permetterà di rafforzare i luoghi con identità specifiche in grado di essere punto di riferimento abituale e al contempo spazi d’incontro e crescita dell’humus artistico cittadino, diventando essi stessi contenitori di attività laboratoriale ed espositiva.

E’ necessario attivare canali di scambio con le produzioni artistiche nazionali ed estere per permettere agli artisti della città occasioni d’incontro e di visibilità, indirizzata sia alla formazione che alle necessarie occasioni professionali.

Riteniamo che l’arte debba entrare anche nelle vie della città uscendo dai luoghi espositivi abituali, pensiamo a rassegne che attraverso i cartelloni solitamente utilizzati solo per accogliere informazioni commerciali, entrino nell’immaginario collettivo, portando l’arte a chi di solito non ne fruisce e in contesti che abitualmente non l’accolgono.

Sono energie che vanno valorizzate e adeguatamente promosse, rispettandone le autonomie, perché siano organiche per una proposta cittadina che va considerata come un corpo unico e che non va lasciato alla frammentazione attuale.

Le campagne promozionali d' iniziative civiche ed informative dell’Amministrazione Comunale dovranno ove possibile, essere supportate dalla creatività dei giovani artisti locali, dando sistematicamente occasioni di crescita e opportunità lavorative.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Iscriviti alla newsletter


Copyright © 2016 Movimento 5 stelle Oderzo All Rights Reserved.